Lettera ad un elettore del PDL

Caro Amico,
non ci conosciamo, è la prima volta che ti scrivo. Abbiamo due modi totalmente diversi di vedere la politica, i valori, la famiglia, la religione, il mondo in generale.
Non sono così stupido da credere che il mio modo di vedere le cose sia migliore del tuo, mettiamola così: sogniamo due società diverse. Ma, purtroppo o per fortuna, il mondo è uno e su quello dobbiamo lavorare insieme al fine di renderlo un posto migliore per tutti.

Ti scrivo per chiederti uno scatto d’orgoglio che vada oltre l’odio verso ciò che “non ti appartiene”. Una presa di posizione che faccia capire a chi ti rappresenta in parlamento che l’avergli dato il tuo voto, la tua fiducia, non vuol dire che “loro” possano fare quello che gli pare. Calpestando le regole e giustificando la loro leggerezza con scuse o ricostruzioni che, a mio avviso, offendono la dignità di ogni persona capace di “intendere e di volere”.

Oggi (10/03/2009) guardavo il TG1 e ascoltavo la “ricostruzione” sui fatti dell’ormai famoso panino di Milioni. Ho provato vergogna per te, che a questo governo hai concesso la tua fiducia, ma anche per me che in questo paese ci sono nato e voglio continuare a viverci senza dovermi vergognare di essere Italiano.

Trovo offensivo il modo in cui è stata presentata la notizia, non certo la ricostruzione fatta dal PDL. E’ leggittimo che il PDL dia una spiegazione (per me poco credibile) dell’accaduto ai propri elettori, quello che trovo invece un atteggiamento da regime è l’averci costruito sopra una “notizia”, un servizio accuratamente montato con la ricostruzione minuto per minuto di quanto successo durante la consegna delle liste. Nel servizio si fanno delle accuse dirette ai rappresentanti del Partito Radicale che avrebbero impedito fisicamente la presentazione delle liste al sig. Milioni. Nessun rappresentante dei Radicali è stato interpellato per sentire “l’altra” versione dei fatti. Per poter permettere ai telespettatore di farsi un’idea sull’accaduto. Tutto è stato presentato in maniera “matematica” minuto per minuto ci hanno spiegato la “loro verità”, nessun contraddittorio.

Ho assistito ad un servizio confezionato ad hoc dalla televisione pubblica, per permettere al PDL di giustificare l’incapacità di presentare le liste in tempo. Senza neanche permettere alla controparte (Radicali) di esporre la loro versione dei fatti. Si fanno delle accuse chiare e dirette, senza sentire la parte “accusata”.
Questa non è democrazia! Questa non è pluralità ne libertà d’informazione.
Questo è offendere l’intelligenza di chi sta davanti al televisore, indipendentemente dal “credo” politico di chi guarda!

Quindi ti chiedo per una volta di non pensare che ci siete “voi” (la maggioranza) e il resto che è “comunista e straniero”. Giudici e gente dei centri sociali che pensa solo a tramare per rendere l’italia un paese Bolscevico.
Ti ricordo che la libertà di tutti è garantita da quella carta costituzione e quelle leggi (che i giudici si limitano solo ad applicare) che l’attuale governo maltratta e offende ogni giorno.
Costituzione che all’articolo 3 recita:

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali

Ti invito a riflettere sui reali significati di parole quali “Libertà e “Democrazia”. Parole che oggi, con un di sottile lavoro di persuasione che punta a toccare le paure e gli istinti della gente, sono state messe al servizio di pochi. Con la scusa di difendervi dagli stranieri, dai comunisti, dai radicali i “pochi” si permettono di cambiare le regole durante la partita. Senza avere l’onesta intellettuale di riconoscere colpe (leggerezze) oggettive. Liquidando il tutto con scuse e spiegazioni che offendono prima ancora di rendersi ridicole!

Non ti chiedo di non votare PDL (anche se sarebbe una cosa buona;) più semplicemente ti chiedo di non aderire alla pseudo-manifestazione indetta dal PDL per giorno 20 e far capire alla “tua” classe dirigente che ti aspetti da loro un maggiore rigore e rispetto delle regole e non dilettanti che fanno saltare campagne elettorali per un panino.

So che continueremo a vedere il mondo e la politica in maniera diversa, ma spero che tutti e due non smetteremo di lottare (anche insieme) per fare del nostro paese un posto migliore.

Un innocuo uomo di sinistra che non mina affatto la tua Libertà!;)

Attilio G. Minacori

Autore dell'articolo: Mr.Tambourine

1 thought on “Lettera ad un elettore del PDL

Rispondi