oıɹɐɹʇuoɔ lɐ ɐɹıƃ opuoɯ lı

Questo vuol dire tutelare gli autori?
Questo vuol dire tutelare gli autori?

Da utente di Anobii, ogni tanto faccio il giro dei vari gruppi per vedere se riesco a trovare qualche gruppo interessante al quale unirmi.

Mentre sfoglio l’elenco dei gruppi ne trovo uno che come nome porta ” Socialsharing | Copyleft | Nocopy”, così mi iscrivo.

Già al primo post, dell’utente J, rimango allibito, ecco riportato il testo:

La SIAE ci chiede il pizzo. Il comune di Negrar (VR) deve sborsare ben 300 euro per aver portato in scena (gratuitamente) lo spettacolo della Compagnia Fantasma “I Sentieri di Seth” tratto dal nostro libro “La Strategia dell’Ariete“.

Due funzionari SIAE, abbigliati come agenti immobiliari della periferia povera di Lugano, hanno assistito alla piéce per poi palesarsi con tanto di distintivo per “difendere” gli interessi degli autori, cioé noi. Noi eravamo presenti. Abbiamo sottolineato che la licenza creative commons di cui ci avvaliamo consente a chiunque di riprodurre, modificare ecc. ecc. (senza scopo di lucro) la nostra opera.* Leggi di più a proposito di oıɹɐɹʇuoɔ lɐ ɐɹıƃ opuoɯ lı

Ho ancora la forza…

Ho ancora la forza che serve a camminare, picchiare ancora contro per non lasciarmi stare ho ancora quella forza che ti serve quando dici: “Si comincia !” E ho ancora la forza di guardarmi attorno mischiando le parole con due pacchetti al giorno, di farmi trovar lì da chi mi vuole sempre nella mia camicia… […]

Devo ricordarmi di ricordare!

Post stupido e nato dopo aver partecipato alla prima notte bianca palermitana.

Mentre ero in giro per il centro di Palermo, con i miei amici, ci siamo avvicinati al palco allestito in piazza Politeama da Radio 105. Una serie di cantanti più o meno interessanti si sono dati il cambio sul palco, tra una canzone a l’altra mi guardavo in giro cercando di cogliere la portata dell’evento. Ad un certo punto mi accorgo che in molti, in moltissimi, erano là immobili, intenti con i loro cellulari ad “immortalare” quelle performance. Occhi fissi su display di neanche 2 pollici a cercare di mantenere il soggetto al centro della scena, un lavoro da provetti registi! Dei piccoli Steven Spielberg che riuscivano a resistere a figli e passanti che li strattonavano o a fidanzate che cercavano di distrarli con discorsi più o meno interessanti. Leggi di più a proposito di Devo ricordarmi di ricordare!

Con un cilindro truccato e un coniglio vecchio quasi quanto il trucco che fa*

[Ultimo della serie di articoli “ripubblicati”. Presto arriveranno quelli freschi di stampa;-)
Articolo pubblicato il 7 Aprile su stopensando.wordpress.com]

Gli ultimi post (con relativi commenti) di Radiosenna hanno portato i riflettori del blog su di un problema a me molto caro e su cui rifletto da un po. Ovvero il nostro modo di porci di fronte alla innumerevole mole di informazioni con cui ogni giorno dobbiamo fare i conti.
Eppure si parla di disinformazione di massa, di notizie che ci vengono nascoste e di cittadini ignari di quello che succede. Oggi si pensa che le verità ci vengano “semplicemente” occultate. Secondo me, il “giuoco” è molto più sottile e subdolo. Se c’è una notizia buona o con un qualche interesse, non la si “nasconde” ma la si mette in ombra con centinaia di altre cazzate. Il risultato è lo stesso di avertela occultata, ma con il vantaggio che mai nessuno potrà tacciarti di “occultatore di notizie”.
E’ un po come la bacchetta magica del prestigiatore, la fai fluttuare in aria, catturi gli sguardi delle persone e con l’altra mano fai ciò che ti pare. In questi giochetti da prestigiatore il ruolo della bacchetta magica, in Italia, l’ha sempre fatto la televisione. Come diceva Ennio Flaiano, “Fra 30 anni l’Italia non sarà come l’avranno fatta i governi, ma come l’avrà fatta la TV” e penso ci abbia azzeccato alla grande. Leggi di più a proposito di Con un cilindro truccato e un coniglio vecchio quasi quanto il trucco che fa*

La libertà non è star sopra un albero!

[In attesa di nuovi articoli freschi (stanno per arrivare!). Continuo con la ripubblicazione di alcuni vecchi pezzi. Quello che segue è un articolo pubblicato il 1 Dicembre 2007 su stopensando.wordpress.com ]

Con questo post voglio dare finalmente sfogo alla mia mania (non molto repressa) di installare Linux a chiunque!;D In questo primo post vorrei parlarvi del perché passare a Linux, in futuro altri post vi aiuteranno nel traghettamento;-)
Prima che continuiate nella lettura, vorrei avvisarvi che l’articolo è alquanto fazioso e di parte! Naturalmente dalla parte giusta!;-)

Penso sappiate tutti che cos’è un OS (sistema operativo). Per quei pochi che non lo sapessero, un sistema operativo è il programma principale che fa funzionare il computer. In pratica un computer senza sistema operativo è poco più di un raccoglitore di polvere.

Linux è il sistema operativo migliore?
No! Linux non è sempre la scelta migliore! Vi invito a diffidare di chiunque “sappia” qual’è il migliore sistema operativo. Così come con tutte le cose, anche con il computer dovete capire quali sono le vostre esigenze e di conseguenza costruire un ambiente che vi permetta di lavorare e divertirvi al meglio. Linux vi può aiutare in questo!;-) Leggi di più a proposito di La libertà non è star sopra un albero!

L’Inghilterra chiede il pagamento dei diritti per l’uso della sua lingua

[Articolo pubblicato su stopensando.wordpress.com il 10 Dicembre 2007]

LONDRA (10 Dicembre 2027) Con una inaspettata proposta di legge il primo ministro Inglese, Gordon Brown è riuscito a spiazzare l’intera comunità di internet. Nella proposta di legge, presentata oggi alla Camera dei Lord, il primo ministro prevede di fare pagare delle royalties a tutte le persone che utilizzano la lingua inglese per comunicare!
La singolare proposta è stata discussa oggi alla presenza degli innumerevoli Lord direttamente dal Primo Ministro in persona. Lo stesso Brown, durante il dibattito ha fatto sapere che era sua intenzione presentare richiesta ufficiale all’ ONU affinché la legge venga estesa all’interno pianeta. In poche parole, secondo questa legge, gli unici legittimati a parlare la lingua Inglese sono gli inglesi (sudditi della Regina e muniti di regolare passaporto) i quali potranno utilizzare il “linguaggio” in maniera libero e incondizionato. Sia nella comunicazione di tutti i giorni che nelle opere d’arte e ingegno (poesia, canzoni, letteratura ecc..).
Leggi di più a proposito di L’Inghilterra chiede il pagamento dei diritti per l’uso della sua lingua

Mr.Tambourine is back!

Ciao a tutti! Finalmente apre i battenti il mio blog personale! Echissenefotte!!! Direte voi…. Avete pienamente ragione! Ma sempre più spesso ho l’irrefrenabile voglia di dire la mia e buttar giù #000000 su #ffffff le idee e pensieri che mi passano per la testa. Così mi sono detto: “urge un posto dove scaricare la mia […]